Ci ritroviamo all’ultimo appuntamento di degustazioni alla cieca prima della chiusura estiva, queste le mie impressioni

1° Vino: è uno spumante, bollicine finissime e persistenti, naso molto minerale con una nota di fumè, poi floreale, fruttato di frutta a polpa bianca ed erbe aromatiche in particolare timo sul finale. In bocca fresco ed abbastanza sapido. La grande mineralità mi porta in Francia quindi azzardo uno champagne blanc de blanc per gli aromi tipici delle uve bianche.

2° Vino: è un vino bianco fermo, il colore è dorato, al naso è intenso e persistente, si notano aromi vegetali e poi una buona complessità minerale di bosso e pietra focaia, in bocca è molto morbido. Tutte queste caratteristiche mi anno pensare ad un Sauvignon Blanc, magari francese della Loira

3° Vino: é anche quest’ultimo un bianco fermo dorato, al naso abbastanza intenso e complesso, si notano aromi vegetali, floreali e di spezie dolci simili al caramello, inoltre erbe aromatiche balsamico ed un sottobosco di erba bagnata, in bocca è sapido e fresco, purtroppo su questo vino ho pochi riferimenti e non mi azzardo sulla tipologia

Risultati

1° Vino, Vermentino di Sardegna Metodo Classico DOC 2015, Cherchi 13% ABV, non avevo mai assaggiato un vermentino sardo spumantizzato, quindi che dire, complimenti al produttore che me l’ha fatto confondere con uno champagne

2° Vino, Greco di Tufo DOCG 2013, Pietracupa, 12,5% ABV, questo vino è quello che mi ha stupito di più nel mio errore perché non avrei mai pensato ad un greco di tufo che nei miei precedenti assaggi l’ho sempre trovato molto più minerale

3° Vino, Offida Pecorino DOCG 2014, Aurora, 13% ABV, Ottimo vino ma forse anche a causa dei pochi Pecorino bevuti non avevo realmente idea di cosa fosse